Come impostare (e rendere efficace) il tuo profilo su LinkedIn

Pubblicato il Giugno 3, 2020 da
  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    15
    Shares

Ricercare lavoro è una delle attività più difficili che un giovane possa compiere. E se ti dicessi che oggi il segreto per lavorare non è più saper cercare lavoro ma farsi trovare?

Sì, hai capito bene, farsi trovare.

Tu, per esempio, quando hai bisogno di qualcosa in particolare, cosa fai?

Attivi un processo di ricerca, che la maggior parte delle volte ti porta a digitare parole su Google, poi analizzi i risultati e cerchi tra la folla di contenuti quelli che sembrano rispondere meglio al tuo bisogno.

Un’azienda, quando ricerca del personale, procede allo stesso modo: per rispondere a un bisogno specifico (in questo caso di competenze), anzitutto fa una ricerca per parole chiave nei propri database, sui portali e social network come LinkedIn, poi analizza i risultati tra la folla di candidature e di CV che gli sono pervenuti e infine sceglie quelli che sembrano più attinenti alle proprie esigenze.

Dal Curriculum Vitae al profilo professionale su LinkedIn

Quali sono, quindi, i requisiti che devi avere per farti trovare dalle aziende? Le competenze ricercate dall’azienda e una buona visibilità.

Negli ultimi anni molte persone hanno impiegato il proprio tempo inviando centinaia di Curriculum Vitae e contattando migliaia di professionisti, spesso senza ottenere alcun risultato.

In questa mini guida ti spiegherò in modo chiaro alcune strategie per cercare e trovare lavoro online grazie a LinkedIn, il social network dedicato al mondo del lavoro.

Il caro e vecchio Curriculum, però, non è uno strumento inutile e da buttare, anzi, rappresenta le solide fondamenta per realizzare una strategia efficace di comunicazione sui canali social per professionisti.

Se Facebook può essere anche usato senza condividere con tutto il mondo le informazioni personali e professionali o di contatto, diverso è il discorso per Linkedin, che serve a creare rapporti professionali tra le persone, per cercare un nuovo lavoro e nuovi progetti o per cambiare occupazione.

Il profilo LinkedIn, che può essere oggi considerato il nostro curriculum digitale online, va quindi curato a dovere e tenuto aggiornato.

Da leggere: Competenze personali e professionali: come scrivere il Curriculum

 

L’importanza del profilo LinkedIn

La cosa importante è prestare la massima attenzione per presentarsi bene e in modo completo. Non bisogna quindi lasciare da parte informazioni personali come si fa su Facebook ma, anzi, è importante scrivere più informazioni possibili di carattere professionale, senza lasciare spazi vuoti.

Se ci si sente creativi, si può osare pubblicando un video di presentazione o le foto di un evento professionale che si vuole evidenziare.

Donna scrive al pc

Anche per LinkedIn vale la regola delle Keyword. LinkedIn rende facile trovare persone dal loro nome ed anche dalle competenze e da altre parole che appaiono nel loro profilo. È quindi importante fare una lista di termini associati alle nostre abilità ed esperienze e chiedersi quali parole dovrebbe cercare qualcuno per trovare noi.

Da leggere anche: Tra competenze digitali e soft skill: le professioni più richieste in Italia

Questo vuol dire prendere quei termini e rielaborarli dalla prospettiva di un reclutatore che cerca candidati per un posto di lavoro ed usare anche molti sinonimi per avere maggiori possibilità che il nostro nome appaia per diverse ricerche.

Curare il profilo LinkedIn: foto e immagini

Ricordati che la foto profilo è la prima cosa che appare quando si effettua una ricerca e che LinkedIn ti permette di modificare anche l’immagine di sfondo, quindi puoi rendere meno anonimo il tuo profilo utilizzando immagini congruenti con l’attività lavorativa che svolgi o che ti proponi di fare.

Ora passiamo alla personalizzazione della URL del profilo.

Curare il profilo LinkedIn: nome e URL

Ho aperto questa guida invitandoti a cambiare punto di vista quando si parla di lavoro: dal ricercarlo al farsi trovare. Proprio per questo motivo il profilo LinkedIn deve essere facile da condividere e da ricordare per gli altri.

LinkedIn permette di personalizzare l’indirizzo internet della pagina del profilo in modo che sia unico e facile sia da scrivere che da tenere a mente.

In pratica si deve ottenere un indirizzo del tipo linkedin.com/in/tuo-nome/

Per impostare la URL unica e personalizzata bisogna aprire la sezione “Modifica Profilo”, premere sotto la foto (dove c’è scritto l’indirizzo del profilo pubblico) e poi guardare nel lato destro della pagina per trovare “URL del tuo profilo pubblico”.

 

Le relazioni su LinkedIn: facciamo Network

Ora che hai il tuo profilo, nel quale hai inserito una bella foto che ti rappresenta, in grado di raccontare e trasmettere capacità professionale e stile, sei pronto a partire. La foto è talmente importante, che su mille che visualizzeranno il tuo profilo in mille la vedranno, mentre il resto di quello che hai scritto, lo leggeranno in pochi, pochissimi.

Ora ti servono altre due cose: contenuti e relazioni.

Gruppo persone connesse

I contenuti sono il carburante della tua visibilità su LinkedIn, ma se ti manca il motore, farai poca strada. Il motore sono le relazioni. All’inizio sono semplici collegamenti, poi diventano like (consiglia), commenti pubblici, messaggi privati e incontri offline.

Come nella vita reale, in LinkedIn per avvicinarsi ad una persona bisogna trovare qualche affinità comune ed introdursi magari con una domanda.

I Gruppi LinkedIn funzionano in modo simile e se c’è un reclutatore nello stesso gruppo, quando questo fa una ricerca troverà il nostro nome in alto nei risultati.

Questo fa capire quanto sia importante partecipare a Gruppi rilevanti per il settore di lavoro, a cui probabilmente saranno iscritti anche i responsabili risorse umane.

 

Fare gruppo… anche virtuale

I Gruppi di LinkedIn sono ambienti digitali simili ai forum in cui si può discutere con altre persone che lavorano nel nostro stesso settore.

Interagire con i membri di un gruppo professionale permette di accrescere la nostra credibilità e fare un profilo migliore, connesso con contatti influenti e di rimanere aggiornato su possibili opportunità.

Potrebbe anche essere una buona idea quella di entrare in un gruppo aziendale sponsorizzato, se fa parte della propria area di interesse. Questi gruppi sono infatti promossi da LinkedIn e sono generalmente di alta qualità. È importante prestare attenzione e rimuovere i gruppi a cui non si vuol partecipare, visto che la loro presenza è segnalata sul nostro profilo.

Da leggere: Corsi di specializzazione tecnica post diploma che aprono al lavoro

 

Offerte di Lavoro e candidature su LinkedIn

Una volta che hai capito come funziona LinkedIn e hai creato il tuo profilo e la tua rete professionale, non puoi fermarti ed aspettare che qualcuno ti contatti: devi candidarti alle offerte lavorative presenti su LinkedIn!

Nel menu in alto, accedi alla sezione “Lavoro” di LinkedIn, dove troverai tantissime offerte e potrai impostare in quale zona cerchi lavoro.

LinkedIn ti proporrà quelle nell’area più adatte al tuo profilo. Molte offerte di lavoro richiedono una “candidatura semplice”: alleghi il tuo curriculum, metti il tuo numero di cellulare e con un click è fatta. Altre richiederanno un’iscrizione al sito aziendale, il che comporta un po’ più di tempo, ma ha il vantaggio di lasciare il tuo curriculum nel loro database anche per il futuro.

Infine, LinkedIn ti dà la possibilità di impostare degli “alert”, ovvero delle mail automatiche, ogni volta che viene pubblicata un’offerta in una certa area, con la parola chiave di tuo interesse.

Per farlo basta andare sempre nella sezione Lavoro e cercare nell’area prescelta la parola chiave desiderata, per esempio “esperto di comunicazione”. LinkedIn ti mostrerà il messaggio “Crea un avviso di offerta di lavoro”: se accetti, ogni volta che verrà pubblicata un’offerta per il termine ricercato, riceverai automaticamente una mail con il link per quella posizione!

 

Come rendere efficace il profilo LinkedIn: conclusioni

Ora che hai gli strumenti base per costruire e rendere efficace il tuo profilo LinkedIn, hai un altro compito, forse quello più difficile e impegnativo, perché richiede tempo e dedizione: creare contenuti!

Un profilo LinkedIn “muto” non ha molto valore e, anche se costruito in modo corretto, rischia di diventare un boomerang. Il social network premia i profili che pubblicano contenuti nuovi e che partecipano alle conversazioni o commentano contenuti di altri: questo vuol dire che, se partecipo attivamente alla vita della piattaforma, ho molte più probabilità di essere notato.

Pensiamo a LinkedIn come una vetrina in cui mostrare le nostre competenze, come se un falegname avesse una vetrina/laboratorio sulla strada principale della vostra città e potesse mostrare al pubblico le proprie abilità e i propri lavori.

Dimostra alla tua rete di contatti cosa sai fare, crea contenuti di valore per chi ti legge e resta sempre in contatto con i professionisti che potrebbero essere potenziali partner: “farsi trovare” significa proprio questo!

Con questa breve guida volevo fornirti degli spunti utili per iniziare a ragionare sul tuo futuro professionale e sulle migliori modalità con le quali presentarsi alle aziende: spero di esserci riuscito! Se poi volessi approfondire queste tematiche e ricevere delle consulenze personalizzate, puoi contattarci e prendere un appuntamento con i nostri orientatori.


  • 15
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    15
    Shares

🎯 Aperte le iscrizioni per il Corso ITS di Tecnico Superiore Marketing e Internazionalizzazione delle Imprese.
🎓 L’alternativa all’Università che ti garantisce l’inserimento immediato nel mondo del lavoro.
👤 30 Posti disponibili
📌 Sede didattica: Roma

Corso Marketing e Internazionalizzazione 2020

Scroll Up